Biologico, OGM o convenzionale? Quale agricoltura oggi?

Organizzato dal Circolo Acli “Giuseppe Toniolo”, il 10 giugno 2016 si è svolto a
Villa Musone un convegno sul tema: Biologico, OGM o Convenzionale?. Quello
discusso nel convegno è indubbiamente un tema di grande attualità, che va affrontato con una visione globale, quella dell’ecologia integrale, attenta non solo all’ambiente ma anche all’equità sociale.
17 giugno 2016 - Marco Moroni

Organizzato dal Circolo Acli “Giuseppe Toniolo”, il 10 giugno 2016 si è svolto a
Villa Musone un convegno sul tema: Biologico, OGM o Convenzionale?. Quello
discusso nel convegno è indubbiamente un tema di grande attualità, che va affrontato
con una visione globale, quella dell’ecologia integrale, attenta non solo all’ambiente ma
anche all’equità sociale. Come è emerso in occasione dell’Expo e poi ribadito dalla Carta
di Milano approvata al termine dell’esposizione, avere una visione globale significa tener
conto della cosiddetta “catena delle tre A” che lega Ambiente, Agricoltura e
Alimentazione.
Nell’ambito del convegno Fabio Taffetani, botanico dell’Università Politecnica
delle Marche, ha affrontato il tema della salvaguardia del suolo agricolo e della tutela
della biodiversità sottolineando la gravità dell’inquinamento provocato dall’agricoltura
che impiega in modo massiccio concimi chimici, fitofarmaci e diserbanti. Taffetani si è
soffermato poi sul tema del diserbo dimostrando con numerose immagini i danni
provocati dai diserbanti utilizzati non solo dagli agricoltori (su consiglio di tecnici
agricoli), ma anche dalle amministrazioni locali, come la provincia di Ancona che solo
dopo le crescenti proteste di esperti e semplici cittadini ha deciso finalmente di
interrompere i trattamenti. Le immagini proiettate hanno dimostrato che con il semplice
sfalcio le piante cresciute ai bordi delle strade raggiungono uno sviluppo equilibrato e
quindi non è necessario ricorrere alla pratica del diserbo.
Assente il rappresentante di Copagri, Emilio Landi, impossibilitato a partecipare, il
convegno è stato chiuso da un intervento di Anna Casini, vicepresidente della Regione
Marche, con delega all’agricoltura. L’assessore Casini ha richiamato le molteplici
iniziative prese dalla Regione Marche a sostegno di un’agricoltura di qualità e per la
difesa del nostro paesaggio agrario: corsi di educazione alimentare nelle scuole, incentivi
all’agricoltura biologica e agli agricoltori che producono cibo di qualità, finanziamenti ai
giovani che vogliono restare a lavorare nei campi, norme per impedire l’eccessivo
consumo di suolo e, infine, il sostegno dato dalla Regione Marche a una agricoltura
libera da organismi geneticamente modificati.
L’intervendo dell’assessore Casini ha dimostrato che nelle Marche qualcosa si sta
facendo, ma molto ancora resta da fare. Abbiamo bisogno di uno sviluppo sostenibile sia
dal punto di vista ambientale che dal punto di vista economico e sociale. L’agricoltura
sostenibile può dare un contributo fondamentale in questa direzione.
Marco Moroni

Sito realizzato con PhPeace 2.5.5

Si ringrazia l'associazione Peacelink per l'ospitalita' sul server "vanunu".

PhPeace è software libero, e ognuno è libero di ridistribuirlo secondo le condizioni dellaLicenza GNU GPL

A meno di avvisi di particolari (articoli con diritti riservati) il materiale presente in questo sito può essere copiato e ridistribuito, purchè vengano citate le fonti e gli autori. Non si assume alcuna responsabilità per gli articoli e il materiale pubblicato.

validateXHTMLcclvalidateCSS

Segnala eventuali errori al WebMaster | RSS logo