“STORIA E FUTURO DEI SIBILLINI” a cura di MARCO MORONI

Venerdì 9 giugno alle ore 19 terzo incontro del ciclo “Vivere il territorio, progettare il futuro” presso Altra Eco in Via Campo dei Fiori a Recanati
31 maggio 2017 - Federica Menghini (Redazione Altraeco)

Marco Moroni e Fabio Taffetani nel corso della prima edizione del ciclo Vivere il Territorio


E’ in programma per venerdì 9 giugno alle ore 19.00, in Via Campo dei Fiori, il terzo incontro del ciclo “Vivere il territorio, progettare il futuro”, pensato e realizzato dall’Associazione Altra Eco per divulgare le iniziative culturali più innovative nell’ambito delle tutela del territorio. Dopo l’esperienza ad “impatto zero” di Linda Maggiori e dopo “l’agricoltura sociale” di Roberto Brioschi, sarà la volta dello storico Marco Moroni, direttore della rivista “Marca/Marche”, che affronterà il tema “Storia e futuro dei Sibillini”.
A nove mesi dal terremoto si sta finalmente avviando la ricostruzione. Ma è possibile ricostruire senza conoscere la storia e l’identità dei luoghi colpiti dal sisma? Non dobbiamo perdere la ricchezza dei nostri paesi: i centri dell’entroterra non sono i luoghi della penuria, come spesso si pensa, ma sono luoghi ricchi di conoscenze, di competenze, di cultura e di arte. E soprattutto, è possibile ricostruire senza coinvolgere i diretti interessati, cioè gli abitanti dei Comuni del cratere? Ricostruire materialmente non basta se non si riesce a evitare lo spopolamento delle zone sconvolte dal sisma e se non si riesce a ricostruire la vita delle comunità. Solo facendo rinascere le comunità distrutte si potrà ridare un futuro ai paesi dei Sibillini.

Nell’incontro vengono presentati due fascicoli della rivista “Marca/Marche” che hanno per oggetto appunto la Storia e il Futuro dei Sibillini, con riflessioni e proposte per il recupero delle comunità dei territori colpiti dal terremoto. Nel primo fascicolo viene affrontato il tema: “L’Appennino marchigiano. Economia, tradizioni, prospettive di sviluppo” con saggi di Marco Moroni, Olimpia Gobbi, Emanuela Di Stefano, Mario Sensi, Maria Luciana Buseghin e, da ultimo, con un saggio a più mani, scritto da Roberta Caprodossi, Ileana Pierantoni e Massimo Sargolini. Nel secondo fascicolo viene discusso il nodo del Post terremoto con due interventi e un progetto: Marco Moroni propone una riflessione legata a parole guida come storia sismica, catastrofi naturali, gestione del territorio, aree interne, ricchezza dei paesi appenninici; Daniele Salvi, dopo aver ricordato il Progetto Appennino Parco d’Europa, avanza alcune proposte per la rinascita dell’entroterra marchigiano; infine Paolo Coppari presenta il progetto “L’Epicentro della Storia. Radici e futuro dei centri del sisma e dell’entroterra marchigiano”.

A fine presentazione un frugale aperitivo in tema con la serata !

MARCO MORONI
A lungo docente di Storia economica alla Facoltà di Economia dell’Università di Ancona, è autore di vari volumi e di numerosi articoli sulla storia economica e sociale delle Marche e dell’Italia centrale in età moderna e contemporanea. Membro della direzione delle riviste “Marca/Marche”, “Proposte e ricerche” e “Storia e storie nelle Marche”, ha studiato la società mezzadrile e l’industrializzazione dell’Italia centrale; si è poi occupato della storia dell’Adriatico e delle regioni balcaniche. In quanto responsabile del Centro Studi delle Acli delle Marche, si dedica attivamente ai problemi sociali della nostra regione e, più in generale, del nostro Paese. Attualmente sta scrivendo una Storia di Recanati in età medievale.

Allegati

  • Storia e Futuro dei Sibillini (438 Kb - Formato pdf)

    PDF logo

    Esistono molti programmi liberi per leggere e scrivere documenti PDF.
    Questi programmi rispettano le basilari libertà di usare, studiare, ridistribuire e migliorare il software.
    Del formato PDF ne esistono varie versioni, ma in generale può considerarsi uno Standard Aperto.
    Maggiori informazioni... ( http://pdfreaders.org/index.it.html)

    Il software libero è una scelta etica e per questo consigliamo il sito http://pdfreaders.org/index.it.html
    per scaricare il lettore PDF più oportuno per il vostro sistema.

    Per salvare il documento basta cliccare sul link del titolo con il tasto destro
    del mouse e selezionare il comando "Salva oggetto o destinazione con nome" (PC),
    oppure cliccare tenendo premuto Ctrl + tasto Mela e scegliere "Salva collegamento come" (Macintosh).

Sito realizzato con PhPeace 2.4.1.62

Si ringrazia l'associazione Peacelink per l'ospitalita' sul server "vanunu".

PhPeace è software libero, e ognuno è libero di ridistribuirlo secondo le condizioni dellaLicenza GNU GPL

A meno di avvisi di particolari (articoli con diritti riservati) il materiale presente in questo sito può essere copiato e ridistribuito, purchè vengano citate le fonti e gli autori. Non si assume alcuna responsabilità per gli articoli e il materiale pubblicato.

validateXHTMLcclvalidateCSS

Segnala eventuali errori al WebMaster | RSS logo