barralunga

REES Marche

RSS logo

Calendario

    Beni comuni

    CAMPAGNA STOP TTIP: FIRMA ORA

    Un trattato tenuto segreto nelle trattative, per curare gli interessi delle multinazionali e contro i popoli.
    Rappresenta un pericolo per la tutela della qualità del cibo, dell'ambiente, del lavoro, della sanità....
    1 febbraio 2015 - redazione REES Marche

    Il sito di STOP TTIP ITALIA

     

    PER FIRMARE CONTRO IL TTIP

     

    Un trattato tenuto segreto nelle trattative, per curare gli interessi delle multinazionali e contro i popoli.

    Rappresenta un pericolo per la tutela della qualità del cibo, dell'ambiente, del lavoro, della sanità....

    Curiamo l'opposizione al TTIP, al Transatlantic Trade and Investment Partnership, il più grande accordo bilaterale per la liberalizzazione del commercio mai negoziato in epoca moderna.

    In realtà gli ambiti coinvolti sono tantissimi. Dall’ambiente, agli ogm, dal commercio nel settore agroalimentare all’industria energetica, i trasporti, la sanità, la scuola e la cultura. La qualità del cibo che mangeremo nei prossimi anni potrebbe dipendere da questo trattato, il livello delle prestazioni sanitarie e il rispetto dell’ambiente che ci circonda potranno essere determinati dalle regole stabilite nel TTIP.

    Il TTIP ci riguarda tutti come cittadini, lavoratori, studenti, consumatori. Il Governo Renzi è orientato ad approvare il TTIP senza troppi scrupoli. Chi realmente beneficerà degli effetti del TTIP sono le grandi aziende multinazionali che stanno portando avanti in gran segreto le trattative.

    Le parole d’ordine di chi sostiene il TTIP sono le stesse che hanno giustificato le riforme peggiorative degli ultimi vent’anni: più liberalizzazione, meno regole, meno burocrazia e ostacoli al dispiegarsi della crescita economica.

    Ecco alcuni esempi di come il TTIP può modificare in peggio le nostre esistenze: nel settore alimentare consentendo il trattamento delle carni con ormoni oppure introducendo organismi geneticamente modificati (ogm) nei cibi che mangiamo. Attualmente la legislazione europea è ancora molto restrittiva al riguardo ma con il TTIP dovrebbe adeguarsi a quella degli Stati Uniti, dove ormoni e ogm sono permessi.

    Nei servizi pubblici essenziali come sanità e trasporto pubblico sarà ancora più accentuata la spinta alla privatizzazione e alla riduzione dei costi a scapito della qualità del servizio.

    Per quanto riguarda il settore energetico potrebbe estendersi la pratica del fracking, l’estrazione di gas o petrolio di scisto, tecnica dannosa, inutilmente costosa e molto inquinante per l’ambiente.

    E’ possibile fermare il TTIP, prima di tutto rompendo il silenzio dell’informazione e cominciando a diffondere la notizia dei rischi che il trattato comporta. Nel 1998 e nel 2012 il MAI e l’ACTA, due trattati fortemente lesivi degli interessi dei cittadini sono stati fermati anche grazie alla mobilitazione internazionale di movimenti e associazioni.

    E’ possibile sostenere la campagna nazionale ed europea e partecipare ai comitati locali STOP TTIP.



    Sito realizzato con PhPeace 2.5.9

    PhPeace è software libero, e ognuno è libero di ridistribuirlo secondo le condizioni dellaLicenza GNU GPL

    A meno di avvisi di particolari (articoli con diritti riservati) il materiale presente in questo sito può essere copiato e ridistribuito, purchè vengano citate le fonti e gli autori. Non si assume alcuna responsabilità per gli articoli e il materiale pubblicato.

    validateXHTMLcclvalidateCSS

    Segnala eventuali errori al WebMaster | RSS logo