barralunga

REES Marche

RSS logo

Calendario

Beni comuni

Economie solidali La Finanziaria 2008 riconosceva le "finalità etiche, di solidarietà e di sostenibilità ambientale" dei gruppi d'acquisto

I GAS scrivono a Renzi: non serviamo per ottenere sconti

Nella legge di Stabilità 2016 si parla di gruppi d’acquisto solidali, ma secondo il Gruppo di lavoro “Relazioni con le istituzioni” della Rete di economia solidale (RES), che a fine marzo ha inviato una lettera a Matteo Renzi, è “inopportuno e fuorviante riferirsi in un contesto di agevolazioni ai ‘gruppi di acquisto solidali’, dato che questa definizione identificata gruppi di persone che intendono favorire comportamenti responsabili e consumi consapevoli". Per approfondire leggi "Il libro dei Gas" o la nuova "Piccola guida al consumo critico"
10 aprile 2016 - Il Gruppo di lavoro “Relazioni con le istituzioni” della Rete di economia solidale (RES)

Nella legge di Stabilità 2016 si parla di gruppi d’acquisto solidali, ma secondo il Gruppo di lavoro “Relazioni con le istituzioni” della Rete di economia solidale (RES), che a fine marzo ha inviato una lettera a Matteo Renzi, è “inopportuno e fuorviante riferirsi in un contesto di agevolazioni ai ‘gruppi di acquisto solidali’, dato che questa definizione identificata gruppi di persone che intendono favorire comportamenti responsabili e consumi consapevoli". Per approfondire leggi "Il libro dei Gas" o la nuova "Piccola guida al consumo critico"

Logo RES Italia

Nella legge di Stabilità 2016 si parla di gruppi d’acquisto solidali, ma secondo il Gruppo di lavoro “Relazioni con le istituzioni” della Rete di economia solidale (RES), che a fine marzo ha inviato una lettera a Matteo Renzi e a tuti i parlamentari, chi ha predisposto il testo non avrebbe chiara l’identità di un GAS.  

Il riferimento è al comma 391 della legge approvata a dicembre 2015, e relativo alla “Carta famiglia nazionale”, che spiega come questa sia “funzionale anche alla creazione di uno o più gruppi di acquisto familiare o gruppi di acquisto solidale nazionali, nonché alla fruizione dei biglietti famiglia e abbonamenti famiglia per servizi di trasporto, culturali, sportivi, ludici, turistici e di altro tipo”.

 

Secondo la RES, è “inopportuno e fuorviante riferirsi in un contesto di agevolazioni ai ‘gruppi di acquisto solidali’ (per brevità GAS)”, perché “con questa definizione, si identificano le attività di gruppi di persone che intendono favorire comportamenti responsabili e consumi consapevoli, rivolti in particolare all’alimentazione, privilegiando l’agricoltura biologica, il rispetto dell’ambiente, l'accorciamento e la trasparenza della filiera e la costruzione di patti fiduciari tra produttori e consumatori, soprattutto locali”. Il gruppo tematico “Relazioni con le Istituzioni” del Tavolo RES ritiene fuorviante associare i GAS alla logica del risparmio e del sostegno alle famiglie numerose, per cui intende chiedere al Parlamento di eliminare il riferimento ai GAS dalle norme di attuazione di questa legge.

 

Una definizione più consona del “fenomeno GAS” era presente invece nella legge Finanziaria 2008 (legge 244/2007) che ai commi 266 e 267 dell’art. 1 definiva e disciplinava i gruppi di acquisto solidali quali soggetti associativi autonomi, che agiscono con finalità etiche, di solidarietà e di sostenibilità ambientale.
 
Ecco il testo del comunicato predisposto ed inviato 
 
AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI MATTEO RENZI
AL CONSIGLIO DEI MINISTRI
A TUTTI I PARLAMENTARI
AL MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE
OGGETTO: CONSIDERAZIONI DELLA RETE NAZIONALE DELL’ECONOMIA SOLIDALE SULL’ART. 1 COMMA 391 DELLA LEGGE DI STABILITA’ – GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

Chi scrive è la Rete Nazionale dell’Economia Solidale a cui aderiscono anche i Gruppi di Acquisto Solidale che si riconoscono nei principi e nei valori che da oltre 20 anni ispirano processi collettivi di economia solidale. 
Con la presente intendiamo chiedervi di riconsiderare l’applicazione della disposizione in oggetto laddove è scritto nella Legge di Stabilità all’art. 1 comma 391:
“La Carta famiglia nazionale è funzionale anche alla creazione di uno o più gruppi di acquisto familiare o gruppi di acquisto solidale nazionali, nonché alla fruizione dei biglietti famiglia   e abbonamenti famiglia per servizi di trasporto, culturali, sportivi, ludici, turistici e di altro tipo”
La Legge n. 244 del 2007 (Legge Finanziaria per il 2008) ai commi 266 e 267 dell’art. 1, ha già definito e disciplinato il fenomeno dei “gruppi di acquisto solidale”;  si tratta di consumatori che la Legge riconosce quali soggetti associativi autonomi, che agiscono con finalità etiche, di solidarietà e di sostenibilità ambientale
. Crediamo inopportuno e fuorviante riferirsi in un contesto di agevolazioni ai “Gruppi di Acquisto Solidali” (per brevità GAS). Rimandando ai documenti ufficiali che potete trovare sul sito  http://www.economiasolidale.net   per una più precisa identificazione di questo fenomeno, basti qui ricordare che con questa definizione, si identificano le attività di gruppi di persone che intendono favorire comportamenti responsabili e consumi consapevoli, rivolti in particolare all’alimentazione, privilegiando l’agricoltura biologica, il rispetto dell’ambiente, l'accorciamento e la trasparenza della filiera e la costruzione di patti fiduciari tra produttori e consumatori, soprattutto locali.

Tra i loro principali scopi non c’è la realizzazione di una compravendita vantaggiosa, ma piuttosto la generazione di relazioni di comunità basate sulla solidarietà, in cui la persona è posta al centro del rapporto e dove lo scambio economico e il prezzo corrisposto, seppur importanti, rientrano in una relazione più ampia e articolata. Oltretutto, la partecipazione ai Gas è aperta a tutti i cittadini.
Il testo del comma 391 dell’art. 1 della Legge di Stabilità sembra proporsi di favorire – attraverso l’incentivo delle agevolazioni previste e riservate ai possessori della Carta famiglia – la formazione di Gruppi di Acquisto Solidali di carattere nazionale. Si verrebbero così a creare delle enormi agenzie di acquisto e di distribuzione, senza alcuna base territoriale locale, quindi non basate sulle relazioni di prossimità tra piccoli gruppi di consumatori e produttori, ed in cui la dimensione della solidarietà sarebbe declinata solamente nel supporto economico a famiglie svantaggiate e non nella scelta consapevole di persone che intendono condividere un percorso di cambiamento di stile di vita e di graduale transizione verso modalità di produzione e consumo maggiormente sostenibili sul piano sociale  ed ambientale.

Riteniamo che il riferimento ai GAS nella disposizione in oggetto sia un grave errore semantico (dovuto alla scarsa conoscenza del fenomeno) che può trasmettere un messaggio fuorviante rispetto alla reale natura di queste organizzazioni e che certamente non aiuterebbe alla diffusione di pratiche economiche realmente sostenibili.

Siamo disponibili ad ogni genere di chiarimento su questo tema, ma nel frattempo vi chiediamo di eliminare dalla norma tale riferimento.

23 marzo 2016     
Il Gruppo di lavoro “Relazioni con le istituzioni” della Rete di economia solidale (RES)               

 

Sito realizzato con PhPeace 2.4.1.62

PhPeace è software libero, e ognuno è libero di ridistribuirlo secondo le condizioni dellaLicenza GNU GPL

A meno di avvisi di particolari (articoli con diritti riservati) il materiale presente in questo sito può essere copiato e ridistribuito, purchè vengano citate le fonti e gli autori. Non si assume alcuna responsabilità per gli articoli e il materiale pubblicato.

validateXHTMLcclvalidateCSS

Segnala eventuali errori al WebMaster | RSS logo